1 5

Come parlare della separazione evitando le liti per proteggere i figli

Come si fa ad introdurre il discorso separazione al marito cercando di non scatenare lotte che possono danneggiare i figli

Salve, ho 43 anni e avrei bisogno di un consiglio su come affrontare un momento molto difficile. Mi sono sposata a 24 anni dopo 3 di convivenza, praticamente conosco mio marito da una vita e ho passato insieme a lui metà della mia esistenza. Per anni non sono arrivati figli e dopo 10 anni di matrimonio sono iniziati i primi problemi, forse allora solo da parte mia; stanchezza, noia, l'ho tradito ma non glie l'ho mai confessato e credevo che col tempo si sarebbe risolto tutto.

Per dare nuovo vigore alla nostra relazione ho deciso di avere un figlio, strada in salita perché ci siamo sottoposti a cure per la fertilità: sono arrivati 2 gemelli che ora hanno 6 anni, ma questo non ha risolto il mio malessere e i nostri problemi. Anzi, ad aggravare tutto c'è stata la notizia che i nostri bambini erano affetti da autismo; lo stress da quando abbiamo avuto la diagnosi è salito alle stelle, abbiamo iniziato a litigare per ogni cosa ma soprattutto per le scelte riguardo ai nostri figli: adesso tra liti violente, recriminazioni, e il fatto che comunque continuo a non stare bene con lui come coppia siamo agli sgoccioli.

LA MIA RELAZIONE MI SOFFOCA MA NON RIESCO A LASCIARLO

Il vaso da parte mia è già traboccato, ma ho la netta sensazione che lui non voglia ammettere che siamo ad un bivio ed io non ho la forza o il coraggio di parlargli apertamente e dirgli che mi voglio separare, seppure questo comporterà enormi problemi e non sono psicologici vista la nostra situazione. Vorrei sapere come posso fare a parlare con lui senza scatenare la guerra e il risentimento da parte sua, so che sarebbe deleterio per noi e per i bambini e vorrei fare tutto senza dispetti e altre liti inutili. Lui si dice ancora innamorato di me, ma sono convinta (forse perché da parte mia l'amore non c'è più) che in realtà lui non voglia affrontare un cambiamento così grande è solo legato ad una situazione ma non più a me. Mi può aiutare?

Elisabetta (nome di fantasia scelto dalla redazione)

Spesso quando ci separa se una delle parti non accetta la separazione per un qualsiasi motivo è difficile condurre la separazione stessa in maniera serena e senza conflittualità. La ricerca di una separazione serena da parte sua potrebbe anche essere dovuta ad eventuali sensi di colpa che lei potrebbe provare essendo lei a volere la risoluzione del rapporto. Se fossero presenti tali sensi di colpa ed ancora dubbi residui li affronti al più presto e vada per la sua strada senza ulteriori esitazioni. Saluti